Growth Hacking: Introduzione e AAARRR Model

Growth Hacking: Introduzione e AAARRR Model

Growth Hacking: Introduzione e AAARRR Model

di Alexandru Dinu

Cos’è il Growth Hacking?

Il Growth Hacking è un processo che si basa su una serie di esperimenti sul marketing e sul prodotto per identificare e focalizzarsi sulle idee che funzionano di più e che sono scalabili.

Tre aspetti fondamentali del Growth Hacking

  1. Mindset – Prima di qualsiasi cosa, il growth hacking è un mindest! L’arma segreta è quella di pensare fuori dagli schemi, di usare la creatività e di fare continue ipotesi ed esperimenti. Per Sean Ellis, la persona che ha coniato questo termine, “Il growth hacker è una persona il cui vero nord è la crescita.” E’ questo l’obiettivo primario di un growth hacker: esaminare e capire come avere un impatto sulla crescita di un prodotto o di un business in generale.
  1. Skills – Il growth hacker è una persona con conoscenze multidisciplinari che vanno dal marketing digitale, alla programmazione, al mondo delle startup. Oltre che pensiero creativo e analitico, deve avere competenze di social media, content marketing, blogging, UI/UX, analytics, SEO, viral marketing.
  1. Customer orientation – La base di qualsiasi idea e strategia di growth hacking è conoscere i propri utenti, le loro problematiche e le loro abitudini. Per questo motivo è essenziale definire le buyer personas, ovvero una rappresentazione dei clienti ideali. Infatti se non si ha chiaro a chi ci stiamo rivolgendo, il rischio è quello di mirare nella folla e di bruciare i soldi investiti senza ottenere alcun risultato.

 

AAARRR Model: Il funnel dei pirati

Il funnel dei pirati è un modello che descrive sinteticamente il ciclo di vita del cliente e può essere utilizzato per progettare il piano di crescita di un prodotto o di un business.

Il framework è stato proposto la prima volta nel 2007 da Dave McClure, Business Angel e fondatore dell’acceleratore 500startups. Nella sua versione originale si compone di 5 fasi (Acquisition, Activation, Retention, Revenue, Referral) da cui deriva l’acronimo AARRR. Di seguito proponiamo questo metodo con l’aggiunta di un’altra fase (Awareness) emersa successivamente.

  1. Awareness — Quante persone riesci a raggiungere con il tuo brand o prodotto? L’obiettivo di questa fase è raggiungere e far conoscere il proprio brand o prodotto all’utente ideale, ovvero alle buyer personas a cui abbiamo fatto riferimento precedentemente.
  1. Acquisition  — Come acquisisci clienti o in che modo il tuo cliente trova il tuo prodotto? L’obiettivo di questa fase è individuare quali canali portano maggior traffico al proprio prodotto, quali convertono di più e quali hanno un costo di conversione minore.
  1. Activation —  Cosa fai per garantire una buona prima esperienza dell’utente con il tuo prodotto? L’obiettivo di questa fase è ottimizzare il processo che porta l’utente a provare il tuo prodotto per la prima volta, ad esempio tramite una UX intuitiva e senza blocchi.
  1. Retention —  Quanti clienti tornano a utilizzare il tuo prodotto e perchè stai perdendo gli altri? L’obiettivo è quello di trovare metodi per coinvolgere e mantenere attivo un utente nel tempo. Il modo più facile per farlo è rimanendo in contatto, ad esempio tramite l’email automation.
  1. Revenue —  Come ti fai pagare per il tuo prodotto o servizio e come puoi aumentare i tuoi ricavi? Questa fase rappresenta il momento in cui l’utente diventa cliente attraverso un pagamento nei confronti del tuo business. L’obiettivo è aumentare i ricavi generati dai clienti (CLV – Customer Life Value) e diminuire il costo sostenuto per acquisirli (CAC – Customer Acquisition Cost).
  1. Referral —  Come puoi trasformare i clienti in evangelisti del tuo prodotto? Questa fase è importante per generare passaparola e supportare una crescita esponenziale del tuo prodotto in breve tempo. Puoi identificare un piano di incentivi per i tuoi utenti, per esempio tramite sconti sul prodotto in cambio dell’invito dei propri amici.

 

Ricapitolando, se vuoi applicare il Growth Hacking devi partire dal mindest: sii creativo, TESTA sempre le tue idee, replica le migliori finchè funzionano e diventa un pirata!

Se vuoi avventurarti nel growth hacking, la strategia migliore è partire dalla definizione dei tuoi utenti (le buyer personas). Qui sotto puoi scaricare un semplice template che abbiamo preparato per te.

Scarica il template Personas

 

Completa il form qui sotto e ti contatteremo presto!

 Accetto l'informativa sulla privacy policy descritta qui

     Desidero iscrivermi alla newsletter

 

 

Compila il form per poter ricevere il template Personas!

Accetto l'informativa sulla privacy policy descritta qui

     Desidero iscrivermi alla newsletter